10 dic 2016

Fondamenta dei Ormesini

Fondamenta dei Ormesini 10 12 2016
Vista sul Campo del Ghetto Novo (a destra) e sul Ponte del Ghetto Novissimo (a sinistra). Scusate il lungo silenzio. Mi sono preso una pausa... Come state? tutto bene?
BluOscar

12 commenti:

Claudio ha detto...

Ciao,Oscar,sono lieto di risentirti.
Le pause ritemprano e consentono di ripartire con più efficacia.
Curioso quel natante al centro dell'immagine.
Sembra...blindato.
A presto.

rossella ha detto...

Felici di ritrovare nuovi scatti sul tuo blog ovviamente! eravamo impazienti! Hai ragione: ogni tanto una pausa ci vuole. Buona giornata a tutti. Bellissima la luce "albeggiante" invernale :)

Anonimo ha detto...

Salve.
Mi mancava il blog.Ora tutto va meglio
Buona giornata
JF

luci ha detto...

Tutto ok. Tutto ok. :-)
A proposito di ghetto ci potresti scrivere un post sulle pietre d'inciampo. Ne ho scoperta una durante l'ultima passeggiata a Venezia ma mi risulta che ce ne siano parecchie. Grazie.

Claudio ha detto...

Pietre d'inciampo? Leggendo questo termine che luci ha usato nel suo commento ho pensato a qualcosa di comico che facesse riferimento al probabile capitombolo di chi avesse avuto la sfortuna di incontrare nel suo percorso,che so?,un sampietrino sporgente.
Niente di tutto ciò.
Ricorrendo alla rete ho appurato che trattasi di argomento della massima serietà,per comprendere il quale,nel suo complesso, invito i colleghi lettori a fare altrettanto.
Apprendo che a Venezia sono state apposte una quindicina di targhe relative all'argomento di cui stiamo trattando,a fronte di 240 veneziani deportati.
Oscar,ti invito anch'io a realizzare un post sulle pietre d'inciampo,in quanto ritengo fondamentale che questa iniziativa venga incrementata,in modo che tutti possano meditare ad ogni piè sospinto sull'assurdità dell'odio razziale,cosìcchè tali assurde atrocità non abbiano mai più a ripetersi.

Blu Oscar ha detto...

A tutti: felice di risentirvi.
A volte la vita ci costringe ad affrontare degli ostacoli che inizialmente sembrano essere insuperabili. Lo sconforto ci assale e intravediamo le possibili soluzioni come lontanissime e di difficile risoluzione. I saggi, in questi casi, consigliano la calma anche se. a noi comuni mortali, questa sembra essere solo una loro prerogativa.
in principio quindi ognuno di noi reagisce a proprio modo magari cercando proprio di non affrontare i problemi anche se il nostro cervello ci obbliga costantemente a riflettere e a perlustrare tutti gli appianamenti possibili.
Serve prendere non una decisione ma pianificare quelle nostre future nel tentativo di onorare la massima che recita "la vita è fatta di priorità".
Per nostra fortuna, in queste circostanze, il tempo non si ferma i giorni passano e il loro scorrere molto spesso ci concede quella pausa che tutti, i questi casi, cerchiamo e che per fortuna sovente ci regala la serenità perduta.
Come avete capito ho preferito "allontanarmi" per quanto mi è stato possibile dal "mondo" in attesa di ritrovare la nuova serenità che mi permettesse di continuare a percorrere il cammino che la vita ha stabilito per me.

Claudio: felice di risentirti
Rossella: sempre spigliata e simpatica. E' sempre un piacere leggerti
JF: merci a vous! Mi dispiace di non poter comunicare nella tua lingua con te ma mi consola il fatto che capisci bene la mia
luci: non possiamo certo definirla prolissa ma la conosco e so per certo che ama Venezia e conosce cose di questa città che non sono note nemmeno ai veneziani

Pietre d'inciampo: sicuramente vi sarete informati, la rete del resto oggi offre di tutto e di piu'. Sono state posate in vari luoghi di Venezia, in occasione del Giorno della Memoria, lo scorso gennaio. Sono 240 sampietrini che riportano una targa in ottone a memoria perpetua di tutte le persone vittime della Germania nazista.
Altri particolari da osservare in una città che ne offre un numero indecifrabile. Perlustrando Venezia "Calle per Calle" non mancherò di proporvi qualche immagine in un prossimo post.

stephanie dupont ha detto...

bentornato Oscar con questa splendida imagine !!!! il silenzio serve appunto per ritornare alla nostra natura e da li ripartire.....si di queste pietre c e ne sono parecchie...!!!! ciao Oscar...buona settimana a tutti.....

Blu Oscar ha detto...

stephanie: ciao anche a te e grazie per il commento. Da domani...tutti a cercare le pietre!

Line ha detto...

Credo che mi ero addormentato. Con la neve e il freddo, comincio a ibernazione ... Ma quando mi sveglio sono felice di trovare le migliori foto di Venezia in queste pagine.
Ciao a tutti. A presto.
Oppure no ...
ih! ih! ih!

Rossella ha detto...

Sagge parole Oscar. Mi auguro di cuore che la strada dopo la pausa sia in discesa. Credo che ognuno di noi si sia trovato, chi più chi meno, di fronte ad uno stop inaspettato e indesiderato. Una volta lessi una massima orientale che più o meno diceva così: "di fronte all'ostacolo lo stolto indietreggia, il saggio si rallegra". Anche se il rallegrarsi è spesso fuori della nostra portata di comuni mortali, sono certa che le nostre passioni, tutto ciò che alimenta la nostra creatività ci dia una grossa mano ad andare avanti....Venezia per fortuna è sempre lì e aspetta di essere "ritratta" . In bocca al lupo di cuore! 😊

Blu Oscar ha detto...

Line: sapendo dove vivi posso ben immaginare che tu possa andare veramente in "letargo". Vedo che in questi giorni la temperatura nella tua Montreal oscilla fra i -5 e i -12 gradi. Cavolo! Qui siamo a +4 gradi centigradi sopra lo zero +o- :)

Rossella: "le nostre passioni, tutto ciò che alimenta la nostra creatività ci dia una grossa mano ad andare avanti" e..non deve mai mancare la curiosità e un po' di sana follia

rossella ha detto...

soprattutto la "sana follia" Oscar...soprattutto! in gamba mi raccomando!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...