30 apr 2016

Parco Giardino Sigurtà (4a parte)

Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 37

4a e ultima parte dei post dedicati al Parco. Trovate Qui la 1a parte, Qui la 2a parte e Qui la 3a parte del postParco Giardino Sigurtà 30 04 2016 38Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 39Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 40Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 41Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 42Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 43Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 44Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 45Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 46Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 47

Il Parco Giardino Sigurtà è lo scrigno naturale di varietà botaniche ed attrazioni storico – artistiche di impareggiabile bellezza. Da marzo a novembre, ogni giorno, è possibile scoprire cosa custodiscono i 600.000 metri quadrati di prati e boschi. Tulipanomania dà il via alla meravigliosa danza delle fioriture che si sussegue nel corso dei mesi di apertura: un milione di bulbi che insieme a Giacinti, Muscari e Narcisi rappresenta un primato italiano e si colloca al secondo posto a livello europeo. Tra marzo ed aprile questi meravigliosi fiori sbocciano in eleganti aiuole e in forma naturalizzata, in un quadro cromatico che ogni anno affascina appassionati di fotografia e non solo: dal 6 marzo al 30 aprile 2016 si terrà la quarta edizione del contest fotografico dedicato a questa fantastica fioritura. Maggio invece è il mese dedicato per eccellenza alla rosa e al Parco Giardino Sigurtà le Rose non mancano, anzi! 30.000 esemplari rifiorenti in due varietà (Queen Elizabeth e Hybrid Polyanta e Floribunda) accompagnano i visitatori in tutto il chilometro del Viale a loro dedicato e che sembra condurre, per un effetto ottico, al Castello Scaligero di Valeggio sul Mincio.
Nel Viale delle Aiuole Fiorite, il colore è il vero protagonista, grazie ai numerosissimi esemplari di piante annuali: Dalie che si manifestano in 30 varietà, Impatiens e Sunpatiens (dalle sfumature bianco, rosa e rosso), Zinnia (che si mostrano dal giallo al rosso, dal viola all’arancione e dal lilla fino al verde), Canna Indica (al Parco in 9 varietà, molto particolare quella tigrata) e Tagetes (dalle calde tonalità arancione e giallo).
Il periodo estivo, invece, regala fioriture a pelo d’acqua: Fior di Loto, Giacinti d’acqua, Ibischi lacustri, Papiri e Falsi Papiri che colorano i 18 specchi d’acqua del Parco insieme alle centinaia Ninfee rustiche e tropicali, i cui petali mostrano le gradazioni del rosa (pallido, intenso, rosso e ciclamino) insieme al bianco, al giallo e al blu.
Chi, invece, oltre ad ammirare le bellezze della Natura, desidera anche mettersi in gioco e calarsi nei panni dei moderni Teseo un must è la visita del Labirinto: inaugurato nell’estate 2011, rappresenta uno dei luoghi prediletti dai visitatori di ogni età. Disegnato da Giuseppe Inga Sigurtà in collaborazione con Adrian Fisher, famoso maze designer a livello mondiale, è il frutto di un lavoro durato sei anni tra progettazione e realizzazione. 1500 esemplari di Tasso (Taxus baccata L.) abbracciano una torre, ispirata a quella del parco di Bois de Boulogne di Parigi: da qui si ammirano dall’alto i 2500 metri quadrati del percorso e gli altri punti di interesse come i Giardini Acquatici, il Viale delle Rose e la maestosa Grande Quercia.
Il Grande Tappeto Erboso è la distesa più vasta del Parco e la sua bellezza lascia senza fiato: grazie alle costanti cure (l’erba viene tagliata a giorni alterni), i fruitori del Giardino possono regalarsi una camminata su un tappeto naturale che abbraccia i due Laghetti Fioriti. Non solo verde, anche l’acqua è un elemento fondamentale del Parco: al suo interno questa oasi naturalistica ospita 18 laghetti e tra un allegro guizzo delle Carpe Giapponesi o Koi avviene la danza delle Ninfee Rustiche e Tropicali, in una carrellata di rosa, rossi e blu intenso, senza dimenticare tonalità che vanno dal bianco al giallo Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 49

Quella sotto è Villa Sigurtà. La potete vedere a lato dell'entrata del Parco Giardino. Sin dal Risorgimento questa splendida Villa palladiana ha ospitato personaggi illustri come gli imperatori Francesco Giuseppe I d’Austria e Napoleone III di Francia. Nel Novecento, i Conti Sigurtà vi ospitarono, tra gli altri, Maria Callas, la Regina Vittoria Eugenia di Spagna, il Re Costantino di Grecia, il Re Simeone di Bulgaria, il Principe Carlo d’Inghilterra, il Principe Filippo del Belgio, il Duca d’Aosta, ed i Principi del Liechtenstein e di Monaco. E' aperta per matrimoni, eventi e convegni

Parco Giardino Sigurtà 30 04 2016 50

Tutte le informazioni relative al parco le potete trovare su: http://www.sigurta.it
Nota importante: se arrivate in auto sappiate che il Parco non ha un parcheggio interno.

5 commenti:

stephanie dupont ha detto...

veramente bello....... grazie per tutte le info....buon weekend Oscar.....

Claudio ha detto...

Quanto segue non ha alcun nesso con l'attuale post bensi' fa riferimento a quello della serie "Dimmi dove a Venezia" del 28 u.s.
Ho ritenuto di usare questo attuale spazio in quanto intendo dar modo al maggior numero di partecipanti al blog di venire a conoscenza di come si sono svolti i fatti e prendendo atto che lo stesso blogger ha voluto dare forma pubblica allo scambio di opinioni tra noi intercorso.
Come alcuni di voi avranno constato è sostanzialmente accaduto che si è verificata una incomprensione tra me ed Oscar in merito al metodo che ho seguito per individuare la collocazione del soggetto proposto.
Credo sia comprensibile che le espressioni usate hanno suscitato in me quello che eufemisticamente posso definire un notevole disappunto,in quanto non mi riconoscevo affatto in quanto mi veniva attribuito.
Debbo confessare che sono stato a lungo indeciso sul da farsi,in considerazione della grande passione che ho per il blog e l'alta stima che nutro per il suo autore.
Poi,finalmente si è verificata la circostanza che ha risolto il mio dilemma,ovvero la decisione di Oscar di scusarsi,gesto che reputo nobile e raro e generalmente così difficile da compiere.
Alzi la mano a chi non è mai capitato,magari in un momento di nervosismo o di stanchezza,di usare un termine non corrispondente al proprio reale ed intimo pensiero.
A me è capitato,ed anche in famiglia.
E,tutto sommato,considero questo blog,il suo autore e tutti noi lettori proprio come una famiglia allargata,la cui storia deve continuare e auspicabilmente crescere.
A te Oscar,il merito di aver sentito la necessità di chiarire il tuo punto di vista nella maniera che hai usato.
Da parte mia la nostra amicizia,se possibile,ne esce ulteriormente consolidata.
Un saluto a tutti.
Claudio

P.s.: un apprezzamento particolare a luci,che rivolgendo anche a me i suoi ringraziamenti ha contribuito non poco a placare il mio
iniziale sconforto.

Frida ha detto...

Ho visitato questo parco 30 anni fa, allora si poteva entrare a bordo della propria macchina, e fermarsi nelle piccole soste sparse in vari punti,e terminata la visita uscire nello stesso punto dell'entrata. Adesso per fortuna non è più così, ma in quegli anni ho visto pochissimi visitatori, mentre adesso immagino la fila sia lunga...

Blu Oscar ha detto...

stephanie: grazie a te

Claudio: capisco il tuo disappunto. Mi sono già scusato scrivendo: “mi scuso per l'affermazione che non voleva certo avere un senso offensivo. Ci conosciamo da molto e sono sicuro che sai che non mi permetterei mai"
Poi ho aggiunto: “Volevo solo affermare che oggi il web aiuta fin troppo e poi, oltre agli affezionati lettori, ogni tanto sbuca qualcuno che magari cerca solo di promuovere il proprio sito”
Quel modo di dire era indirizzato a questi ultimi. Mi dispiace di averlo scritto in modo sbagliato.

Frida: a dirti la verità i visitatori ora sono davvero tanti. Per fortuna il parco è talmente grande che riesce ad accoglierli tutti. Certo se dovessi dare un consiglio sui giorni piu’ appropriati per la visita direi meglio durante la settimana o al massimo di sabato. Ciao

Claudio ha detto...

Oscar: Tranquillo,ho compreso benissimo tutto quanto riguarda il "caso".
E' tutto risolto,entrambi abbiamo avuto modo di spiegarci e,in assoluta reciproca assenza di cattive intenzioni,è prevalso il buon senso.
Ora guardiamo avanti,insieme come e più di prima.
Ciao.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...