19 feb 2016

Cappella degli Scrovegni (Padova)

02 Crocifissione

Vi porto con me a scoprire un vero gioiello che la città di Padova custodisce. E' la Cappella degli Scrovegni: "La Cappella intitolata a Santa Maria della Carità, affrescata tra il 1303 e il 1305 da Giotto su incarico di Enrico degli Scrovegni costituisce uno dei massimi capolavori dell'arte occidentale. La narrazione ricopre interamente le pareti con le storie della Vergine e di Cristo, mentre nella controfacciata è dipinto il grandioso Giudizio Universale, con il quale si conclude la vicenda della salvazione umana. L'edificio era originariamente collegato al palazzo di famiglia, fatto erigere dopo il 1300, seguendo il tracciato ellittico dei resti dell'arena romana. Da quando, nel 1880, la Cappella è stata acquisita dalla città di Padova, gli affreschi sono stati continuamente oggetto di particolari attenzioni e, nell'Ottocento e nel Novecento, sono stati compiuti svariati interventi conservativi. Dagli anni settanta fino ai giorni nostri, grazie alla stretta collaborazione tra Amministrazione locale, Soprintendenze e Istituto Centrale per il Restauro, sono stati compiuti accurati studi e monitoraggi sullo stato dell'edificio, sulla qualità dell'aria, sui fattori inquinanti, sullo stato di conservazione delle pitture. La costruzione del nuovo corpo di accesso, unitamente all'installazione di un impianto di trattamento dell'aria, permette di gestire il forte flusso dei visitatori in modo tale da non pregiudicare la conservazione degli affreschi. Gli ultimi controlli, evidenziando una stabilizzazione della situazione, hanno permesso di eseguire il restauro, svolto dall'Istituto Centrale per il Restauro grazie al protocollo di intesa siglato tra il Comune e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali." Tratto dal sito ufficiale cappelladegliscrovegni.it

Mostrarvi in dettaglio le opere è praticamente impossibile. La Cappella è interamente affrescata. All'interno poi è assolutamente vietato l'uso di qualsiasi dispositivo fotografico. Per questo ho cercato alcune immagini presenti sul web e sufficienti a darvi un'idea di ciò' che vedrete con i vostri occhi.

4 commenti:

Claudio ha detto...

Oscar,tu stai letteralmente "girando il coltello nella piaga",mostrandomi tante cose belle,il che mi fa rammaricare di non aver ancora avuto modo di osservarle di persona.
Il fatto è che quando ho occasione di poter visitare la tua regione,sono talmente calamitato da Venezia che tutto il resto mi appare secondario.
E questo,pur avendo un fondo di verità,è certamente un errore.
Lo dimostra già da sola questa immagine dell'affresco giottesco padovano,di straordinaria bellezza e nel quale mi sembra di scorgere,soprattutto nella figura del Cristo,influenze sia gotiche sia bizantine,plausibili anche in considerazione della sostanziale baricentricità della zona di committenza rispetto alle aree ove si svilupparono queste importanti fasi della storia dell'arte,e non solo.
Amo particolarmente l'arte del periodo tardo medievale,tanto che una mia pur piccola raccolta comprende due interessanti bronzetti di questa epoca.
Eppure so bene che una giornata (o meglio un week end) a Padova mi permetterebbe di poter visitare ogni terza domenica del mese oltre alla famosa basilica,anche il mercato antiquariale di Prato della Valle.
Sicuramente un appuntamento da evidenziare nella mia agenda.


Line ha detto...

Sì, c'è tanto da vedere in Veneto, tanto da vedere a Venezia, tanto da vedere in Italia. Per me che sono andata solo una volta in Italia (Firenze e Venezia), scegliere un percorso è più di tortura che di scelta. Sarò in Italia dal 08 a 25 aprile, e da quando ho comprato il mio biglietto d'aereo sono ambivalente tra gioia e anticipazione e lacrime a causa di tutto quello che non potrò vedere.

Andrò da Roma a Bologna. Forse una piccola escursione a Venezia. Non spendere più di un giorno a Venezia questa volta assicura che devo tornare ancora in Italia, quando avrò più tempo da dedicare alla serenissima. Questa volta, ci sarà anche tempo per vedere Padova, che mi sembra una meraviglia.

@Claudio: vivi all'interno di 6400 km di Venezia e Padova. Non ci sono scuse, vai !! ;-)

Claudio ha detto...

@Line:sapessi quanto comprendo il tuo stato d'animo per quanto riguarda il tuo prossimo viaggio in Italia,non certo breve,ma comunque mai sufficiente per tuffarsi in tutto quanto c'è di bello,nonostante tutto.
Non ho ben compreso quanto dici riguardo al chilometraggio,ma sappi che abito ad Ancona (375 km da Venezia) e quindi posso fare la prima colazione in casa mia ed il pranzo in Piazza San Marco.
Tu hai ragione: devo muovermi di più,ma sai,nella vita ci sono anche altri doveri che debbono essere assolti prima dei piaceri.
Ciao.

Line ha detto...

@ Claudio : Sì, è più saggio; dovere prima del piacere.
Volevo dire, dal momento che non si vive a 6400 km da Venezia, si può andare in modo relativamente facile e non privarsi.
Invidio gli italiani che possono vedere tanta bellezza in un fine settimana, e gli europei che possono visitare diversi paesi nel giro di pochi giorni.
Me, io vivo a 6400 km da Venezia (vicino a Montréal). È un grave problema per prendere il pranzo accanto a un canale. Eppure ... Forse io ci sarò presto. (Grande progetto richiede sacrifici e volontà!).
Una buona domenica.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...