26 mar 2015

Oratorio dei Crociferi

Oratorio Crociferi 01a


Alla metà del XII secolo risale la fondazione di un ospedale tenuto dai frati crociferi che ospitava anche pellegrini e crociati in transito verso la Terrasanta. Trasformato l'ospedale nel corso del '300 in ricovero per donne indigenti, intitolato a Renier Zen, il doge che nel 1268 lasciò ai Crociferi una cospicua eredità. Nel XVI secolo una serie di ristrutturazioni culminò nella decorazione artistica dell'oratorio voluta dai padri Crociferi e dai procuratori di San Marco ed affidata a Jacopo Palma il Giovane che la realizzò tra il 1583 ed il 1592. In otto teleri che occupano tutte le pareti sono narrate, con forte realismo, le vicende legate alla storia dell'ospedale - lascito Zen ed elezione dogale di Pasquale Cicogna - e dei frati Crociferi, nonché momenti della tradizione cristiana a cui costoro erano particolarmente devoti.
Sul soffitto a cassettoni lignei, un coro di angeli musicanti circonda la Vergine Assunta, titolare della chiesaOratorio Crociferi 02Oratorio Crociferi 03Oratorio Crociferi 04Oratorio Crociferi 05Oratorio Crociferi 06Oratorio Crociferi 08Oratorio Crociferi 09Oratorio Crociferi 10Oratorio Crociferi 11Oratorio Crociferi 12

Campo dei Gesuiti - Cannaregio 4905
Apertura solo su prenotazione
Costo del servizio: € 60,00
Prenotazioni via email a info@scalabovolo.org 
o al numero 041 27.19.012 Cartina w

6 commenti:

stelledilatta ha detto...

Straordinarie immagini.....grazie Oscar!
Gio

Claudio ha detto...

Forse solo a Venezia ci si può imbattere,praticamente ad ogni "piè sospinto",in preziose testimonianze del passato,quando al soddisfacimento di quelli che oggi chiamiamo "servizi sociali" non era disgiunto il godimento di straordinarie opere d'arte.
Altri tempi,ahinoi!

Elio ha detto...

Ottimo post, Oscar. Con i tuoi articoli contribuisci sicuramente alla conoscenza di luoghi non certo visitati dai turisti mordi e fuggi.
Ero a Mestre a metà marzo, ma non per vacanza. Mia madre è deceduta all'età di 98 anni nel suo appartamento e senza eessere sottoposta a terapie varie intrusive. Con l'occasione ti invio un augurio di buone feste pasquali.

luci ha detto...

Solo su prenotazione? 60 euro? Mmmm......mah

Arial ha detto...

Very interesting post )

Oscar ha detto...

stelledilatta: grazie a te!

Claudio: molte città italiane custodiscono tesori di inestimabile valore da amare e preservare

Elio : ti ringrazio. Mi sforzo solo di conoscere e far conoscere. Mi spiace per tua madre. Condoglianze a nome mia e di tutti i lettori.

luci: ho atteso 6 anni. Come hai visto l'Oratorio di può' visitare solo su prenotazione. Per fortuna sabato scorso sono riuscito ad entrare, con una guida, grazie al FAI. Un'occasione davvero imprendibile. Ringrazio pubblicamente questa Fondazione per l'opportunità e invito tutti ad iscriversi

Arial: thanks!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...