30 gen 2014

La vera da pozzo del Palazzo Contarini della Zogia

Se andate a vedervi il post da me dedicato alla Corte Bressana e leggete il testo, a corredo delle immagini, noterete che allora avevo indicato:
Da "Curiosità veneziane" di Giuseppe Tassini":
"in Corte Bressana a SS. Giovanni e Paolo eravi una bellissima vera da pozzo in marmo bianco, lavoro dei Bon, collo stemma della patrizia famiglia Contarini dalla Zogia, proprietaria un tempo degli stabili che si stendono lungo tutto un lato della Calle Bressana, in capo alla quale, in una corte interna, si scorgerà un'altra vera da pozzo in marmo rosso, collo stemma della medesima famiglia, vera di recente venduta, e dal suo luogo rimossa. La vera di Corte Bressana fu trasferita nel 1883 nel patrio museo".
Il Tassini afferma quindi che la bellissima vera da pozzo, in marmo bianco, che si trovava in questa Corte è ora esposta in un museo veneziano e che quella in marmo rosso, che riportava lo stesso nome della famiglia Contarini dalla Zogia, e collocata in una vicina Corte interna, è stata venduta.

Riccardo, veneziano DOC, che come me ama girare in lungo e in largo per Venezia e ricerca informazioni su ciò' che vede mi segnala che: La vera da pozzo in marmo rosso di Verona (che il Tassini riferisce essere stata rimossa da una Corte interna vicina alla Corte Bressana e poi venduta) è ora collocata in una sala del Victoria and Albert Museum di Londra.
Questa la descrizione :
Le facce mostrano:
- Una figura della Giustizia coronata che tiene una spada;
- Un putto chinato su un tronco;
- Una figura della Fortezza coronata che tiene una piccola colonna;
- Uno scudo della famiglia Contarini (d'oro, al ciclamoro fogliato di tre pezzi di verde, caricato d'uno scudetto del primo, a tre bande d'azzurro), in un cartiglio decorato con fogliame.
Acquistata dalla Cavendish-Bentinck Collection, al numero 47 di un inventario manoscritto fatto a quel tempo si legge: “Questo Pozzo fu acquistato nel 1874. Proviene dalla corte di una casa, Palazzo della Zoya, vicino alla Chiesa di San Giovanni e Paolo". La vera fu notata dal Tassini nel 1871 all’interno della corte del Palazzo posseduto dalla famiglia Contarini dalla Zogia; da qui fu rimossa tre anni più tardi.
La vera è riprodotta in un disegno dal Grevembroch nei Saggi di familiari magnificenze preservate tra le moderne nelli Chiostri e Palaggi di Venezia, 1760, e da questo disegno è riprodotta in Ongania. Una vera simile, posta nella corte della Ca’ d’Oro, di comparabili proporzioni e disegno, si ricorda essere stata scolpita in duecento e trentatre giorni.
Questo lavoro appartiene ad un gruppo di vere gotiche sontuosamente decorate con figure allegoriche ispirate ai capitelli di Palazzo Ducale, ma differisce dalle altre perchè le due figure riproducenti la Dolcezza e la Fortezza sono di metà lunghezza. Pope-Hennessy considera questa vera derivante dalla bottega di Bartolomeo Buon, basando le sue considerazioni sul confronto con altri esempi del Bode Museum, attribuzione contestata da Rizzi. (Victoria and Albert Museum) Marmo rosso di Verona, (1425-1430)
Queste le foto che il Museo londinese mette a disposizione:

02 w03 w<04 w01 w

Ringrazio Riccardo per la collaborazione

5 commenti:

luci ha detto...

Fotografo, storico ed ora giornalista investigatore!

Claudio ha detto...

Interessante disamina sulle sorti di un esemplare di uno dei più caratteristici elementi della storia e del panorama veneziano:la vera da pozzo,in questo caso vero e proprio manufatto di alto pregio.
C'è da rammaricarsi del fatto che questo autentico gioiello artistico sia stato rimosso dalla sua sede naturale;possiamo però consolarci riflettendo sul fatto che questa vera sarebbe potuta rimanere celata all'interno di una corte privata; allora non è poi forse tanto male che sia esposta in uno dei principali musei del mondo e possa essere goduta da tante persone.

stephanie dupont ha detto...

che meraviglia...si ,almeno gli e al sicuro di graffiti e mal trattamenti,e si puo ancora vederla in tutta la sua bellezza !!!! bellissimo post oscar !ciaooo

Anonimo ha detto...

Mi piace moltissimo questo tuo blog, ci sono arrivata attraverso le tue foto dei gatti, e tutt'ora per visitarti digito su google "gatti equilibristi venezia". Meraviglia Venezia. Ciao Francesca (Verona)

Oscar ha detto...

luci: e magari chissà che altro..Ciao Luci!

Claudio: documento questo caso sapendo che altre Vere da pozzo sono "sparite" definitivamente da Venezia e augurandomi che altre non subiscano la stessa sorte

stephanie: certo sarebbe meglio vederla esposta in un Museo veneziano…comunque ci accontentiamo anche così'

Francesca: ti ringrazio per il commento e per i complimenti. Fatti viva ogni tanto. Ciao!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...