05 nov 2013

Stop alle navi da crociera in laguna

Panorama from BluOscar on Vimeo.


05 novembre 2013

E' stata finalmente presa la decisione di vietare il transito delle navi da crociera nel Canale della Giudecca con e le seguenti modalità:
- dal primo gennaio dovrà essere ridotto fino al 20% (rispetto al 2012) il numero delle navi da crociera di stazza superiore alle 40.000 tonnellate
- sempre dal primo di gennaio 2014 sarà vietato il passaggio dei traghetti
- dal primo novembre 2014 non potranno più' transitare le navi con stazza lorda superiore alle 96.000 tonnellate e le navi ancorate in porto non potranno essere in numero maggiore di 5

Fonte: Ansa

Quella che vediamo, se non sbaglio, dovrebbe essere una Seven Seas Voyager. Ha una lunghezza di 204 metri e una stazza di 49.000 tonnellate. Il numero di questo tipo di navi verrà ridotto del 20% dal primo gennaio 2014. Se volete vedere una nave da più' di 100.000 tonnellate di stazza (137.000 per la precisione) andate a vedervi questo filmato

N.B.
Io non sono quello che gironzola con la macchina fotografica in mano. Mi trovo dietro l'obbiettivo di questa macchina fotografica e sono qui, non per godermi lo spettacolo del passaggio della nave da crociera, ma per ammirare quello del sorgere del sole.

6 commenti:

Claudio ha detto...

Finalmente un primo importante risultato che non risolve completamente il problema ma che incoraggia tutti coloro che si sono impegnati per raggiungere questo obiettivo a proseguire con caparbietà onde ottenere l'annullamento completo del passaggio di grosse imbarcazioni nel Bacino di San Marco.
A tutti loro i miei ringraziamenti.

Mercè ha detto...

É un primo passo molto importante per raggiungere l'obiettivo di impedire il passaggio di questi mastodonti sulla laguna.

stephanie dupont ha detto...

finalmente una battaglia vinta....non si puo fare passare questi monstri a venezia...anch io voglio vedere quello che c e dietro di essa...un po alla volta sparirano...ciao a tutti

Laura ha detto...

Interessante che si sono decisi dopo che gruppi internazionali hanno cominciato a fare molta pubblicita' negativa. Grazie a tutti quelli che hanno preso a cuore questo problema e hanno protestato fino a ottenere un risultato.

Felicissima!

Oscar ha detto...

Claudio, Mercè, stephanie, e Laura: sono veramente felice di poter riportare questa notizia: "Il vertice di Roma – convocato ieri a Palazzo Chigi e presieduto dal premier Enrico Letta con i ministri delle Infrastrutture Maurizio Lupi, dell'Ambiente Andrea Orlando, dei Beni culturali e del turismo Massimo Bray, con il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, il sindaco Giorgio Orsoni e il presidente dell'Autorità portuale Paolo Costa – ha deciso per un allontanamento a tappe delle "grandi navi" dalla laguna in attesa della definizione e realizzazione di nuova via di accesso alla stazione marittima. Si lavorerà fin da subito alla soluzione del Canale Contorta-Sant'Angelo, come nuova via di accesso, ma la valutazione di impatto ambientale di questa opzione dovrà comunque considerare anche eventuali alternative" Fonte: www.ilsole24ore.com (05 novembre 2013)

Non mi stancherò mai di ripetere che l'attività del porto, dei posti di lavoro degli addetti e di tutti coloro che vengono coinvolti nell'indotto vanno tutelati.
A mio avviso, per la salvaguardia della città, è sacrosanto che i "giganti galleggianti", che sono più' adatti a solcare gli oceani che a navigare nel Canale della Giudecca, arrivino a Venezia per un'altra via. Tutto qui

stephanie dupont ha detto...

sono d accordo anch io che i posti di lavoro vanno tutelati,ma come dici te la nave puo passare altrove..che poi al quello che ho potuto leggere,la percentuale dei turisti che sbarca a venezia e poco...dunque al fine chi ci guadagna di piu e sempre il governo !! e il pericolo resta a venezia..dai che siamo sulla strada buona...ciaoooo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...