2 ott 2013

Battaglio

DSC 7783 01 wDSC 7783 02aDSC 7783 03a

6 commenti:

stephanie dupont ha detto...

magnifico e particolare questo battaglio !!!!

Claudio ha detto...

Puoi immaginare,Oscar,quanto gradisca,dopo la pausa estiva,riprendere a commentare un battaglio vero e proprio.
Ci troviamo di fronte ad un massiccio esemplare in ferro forgiato,quasi certamente in coppia,del tipo definito
"ad anello modificato"(ovvero di derivazione dai più antichi e classici modelli ad anello circolare),di sesto ovale e con prolungamenti verticali paralleli,i quali formano con il suddetto anello degli angoli acuti che richiamano,senza esserne uguali,conformazioni tipiche di battagli francesi,detti "a coscia di rana".
Gli stessi prolungamenti verticali vanno a formare,a livello del fulcro,due spirali simmetriche.
Particolare il decoro anch'esso a spirale evolvente che collega al corpo del battaglio il pomello di presa tipico dei ferri dell'Italia settentrionale,del Veneto ed in particolare di Venezia.
Ritengo possa essere interessante conoscere come queste spirali venivano eseguite artigianalmente.
Si partiva dal realizzare delle barrette forgiate uguali tra loro(nel nostro caso mi sembrano in numero di sei);esse venivano poi accostate l'una all'altra formando così un elemento composto più corposo,che veniva saldato (con i metodi dell'epoca, naturalmente)alle due estremità onde mantenere le barrette compatte e solidali.
A questo punto si serrava una estremità del pezzo così ottenuto in una morsa,e si provvedeva tramite riscaldamento a portarlo ad opportuna alta temperatura onde renderlo lavorabile;poi si afferrava l'estremità libera con una grossa pinza,con la quale si praticava contemporaneamente una torsione ed una compressione longitudinale del pezzo, avvalendosi di un mazzuolo:da queste operazioni,opportunamente dosate, scaturiva il manufatto conformato nella maniera in cui potete ammirarlo nelle foto proposte.
La borchia di attacco a sesto circolare è intagliata da lamiera (battuta a mano!)internamente e perimetralmente.
Rimango incerto sulla funzione dell'appendice visibile nella parte inferiore del battaglio,che non appare essere nè decorativa,nè funzionale come presa,in considerazione della presenza del su descritto pomo che appare più idoneo a questo uso.
Circa l'epoca di questo esemplare va considerato che questa tipologia è attribuita ai secoli che vanno dal XV al XVIII;probabilmente in questo caso una collocazione più vicina al primo dato è più verosimile.
Vogliate tutti scusarmi se mi sono dilungato troppo,ma la passione è...passione!
Ciao a tutti.

Claudio ha detto...

P.s.:Dimenticavo di sottolineare che il battaglio è stato inopportunamente verniciato.
Ciò non andrebbe mai fatto,in quanto il ferro forgiato esprime tutta la sua bellezza allo stato naturale.
Se la forgiatura è stata eseguita a regola d'arte il metallo non teme gli agenti atmosferici.
Per mantenerlo allo stato ottimale sarebbe sufficiente una periodica pulizia (come tutte le cose di questo mondo),ed un velo di cera d'api per finitura.
E con questo ho finito davvero.

Oscar ha detto...

Stephanie: Ciao e grazie
Claudio: sei troppo forte. Il battaglio che ho fotografato, ed un suo gemello, sono fissati su un portone di generose dimensioni. Ciao e grazie per il generoso commento

luci ha detto...

@Claudio:10 e lode
ciao luci

Claudio ha detto...

Grazie ad Oscar e luci per i graditi
complimenti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...