23 mar 2013

Leoni sulle porte

DSC 7089 02w

2 commenti:

stephanie dupont ha detto...

bello sto musone...sembra un po triste..!!!!ciaoooo

Claudio ha detto...

Oscar,questa volta ci troviamo di fronte ad un vero e proprio battaglio,essendo in esso presenti tutti gli elementi caratteristici dello stesso,nel caso specifico realizzati in fusione di ottone,che qui di seguito elenco:
-La "protome"(parte fissa):è in questo caso rappresentata dal muso leonino crinito che,come asserisce la simpatica Stephanie,sembra avere uno sguardo un pò triste;va ricordato ancora una volta che in questi tipi di manufatti quasi sempre le sembianze zoomorfe vengono più o meno consapevolmente "contaminate" da tratti antropomorfi.
-L'"ansa"(parte mobile),articolata tra le fauci del leone:è conformata,come spesso avviene,ad anello,in questo caso con sezione circolare decrescente dal basso verso l'alto;la parte inferiore presenta il cosiddetto "ringrosso" centrale costituito da una fascia scanalata delimitata da due modanature,arricchita da decori semisferici e dotata alle estremità di ornati fitomorfi ispirati a foglie di acanto che si dipartono simmetricamente sull'anello.
- L'"incudine"(fissata sull'anta), di sesto circolare e recante,per quello che è possibile evincere dall'immagine, diverse scanalature concentriche, destinata ad amplificare la sonorità della battuta.
Sino a questo punto ho descritto il battaglio come sono solito fare per esemplari d'epoca di particolare pregio;ora debbo però precisare che il manufatto in questione è verosimilmente una fusione ascrivibile solo al tardo novecento;va però riconosciuto che esso è stato realizzato ad un buon livello,ispirandosi agli stilemi tipici di epoche precedenti.
Certo,niente a che vedere il pregio artistico(ed il valore economico)di certe opere antiche presenti sulle porte di Venezia,ma comunque un esemplare ben eseguito che ben adempie alla sola funzione decorativa cui oggi è preposto.
Un saluto a tutti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...