11 gen 2013

Senza Titolo

DSC 4423 2w

3 commenti:

Claudio ha detto...

Oscar,le tue foto panoramiche riprese ancor prima dell'alba, come del resto tutte le altre,non necessitano di firma.
Le loro inconfondibili caratteristiche sono l'esclusivo momento di ripresa,l'istintivo senso dell'inquadratura,la definizione spinta ai massimi livelli.
Certo in questo caso non si poteva pretendere che le gondole restassero immobili nemmeno per quella manciata di secondi necessaria ad esporre correttamentemente l'immagine in tale scarsità di luce.
Le loro sagome incerte appaiono come ectoplasmi notturni riapparsi da una Venezia dei tempi d'oro che oggi non c'è più:questo almeno per quei fortunati che possiedono un certo tipo di sensibilità.
Io sono uno di loro.
Un caro saluto e buona domenica.

Oscar ha detto...

Claudio: con gli occhi vedo, con un po' di logica decido quale parte inquadrare, con la mia macchina fotografica riprendo cio' che ho visto e ho deciso di proporvi. Il risultato finale è mostrare dei particolari di qualcosa che è già bello di suo. Il vantaggio della fotografia è che ti puoi godere quel momento anche a posteriori. La Venezia dei tempi d'oro c'è ancora...i tempi cambiano ma se ci impegnamo a proteggere e ben conservare le opere d'arte queste ultime aquisteranno nel tempo ancor maggior fascino. Ciao

Claudio ha detto...

Quando affermavo che la Venezia dei tempi d'oro non c'è più,caro Oscar, mi riferivo ai cinque secoli medievali durante i quali la Serenissima,definita "la Regina dei Mari",conobbe il più grande periodo d'espansione e di traffici in tutto il Mediterraneo,fino al Mar Nero.
In quel lungo periodo la città conobbe logicamente le condizioni di maggior benessere di vita.
Sono le immagini che passano nella mia mente quando fantastico di rivivere almeno per un giorno nella intatta e opulenta Venezia di allora.
Oggi i tempi sono cambiati,e la città,che io amo quanto sai,conserva certo numerose e pregevoli testimonianze delle passate epoche,ma deve sobbarcarsi il peso di un turismo di massa con le conseguenze che ben conosciamo (transito grandi navi,commercio globalizzato,diminuzione degli abitanti e...mi fermo qui),che la penalizzano notevolmente.
Credo però che nonostante tutto ciò,oggi Venezia possa giustamente ambire al titolo di capitale della cultura che le spetta;sono d'accordo con te sul fatto che ognuno di noi che l'amiamo debba impegnarsi a fare qualcosa per questo fine.
E mi sembra che noi non stiamo con le mani in mano.
Buon lavoro!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...