19 dic 2012

Vera da pozzo - Sestiere di Cannaregio - Palazzo Albrizzi

DSC 3134 1wDSC 3132 2wDSC 3133 3w

5 commenti:

Claudio ha detto...

Oscar,gli antichi giardini un poco trascurati (peraltro anche la stagione induce ad avere questa sensazione)hanno da sempre suscitato in me un'emozione particolare,a metà strada tra la malinconia della odierna decadenza e la nostalgia di un più degno passato; essi infatti una volta adempivano sicuramente ad una funzione pratica e decorativa ben maggiore di quella attuale.
In questa occasione mi intriga immaginare il tempo in cui questo angolo di corte di cui pubblichi le foto contribuiva a mitigare le calde estati veneziane e,soprattutto,quando il pozzo svolgeva la sua funzione essenziale e primaria:quella di fornire preziosa acqua dolce agli abitanti del Palazzo; e certo questa vera con ormai evidenti segni di ammaloramento deve aver visto scene di vita quotidiana ben più movimentate ed importanti di quella odierna,relegata com'è a contenere dei trascurati vasi da fiori.
Certo il progresso ci dà tanto ma, contemporaneamente, altro ci toglie,ed è ciò che deve procurarmi la sensazione dolceamara che provo.
Ciao.

stephanie ha detto...

stupendo questo pozzo...ma si puo entrare nel palazzo???ciaooo

Oscar ha detto...

Claudio: non sei il solo a provare questa sensazione "dolce-amara". Un tempo il Palazzo apparteneva ad una sola persona e seguiva le sorti del propietario. Ora, nella maggior parte dei casi, i Palazzi seguono le sorti delle molteplici famiglie, musei, scuole, associazioni, istituti, negozi, alberghi ed hotels che li abitano o li possiedono (in parte o in toto). L'uso e la loro manutenzione sono estremamente onerosi se pensiamo a come e dove sono stati realizzati. (il loro restauro risulta essere troppo oneroso anche per i piu' abbienti).
Sono sicuro che tanti di noi, nel tentativo di ridare nuova vita al piccolo spazio verde (colore tanto prezioso in città), vedendo questa corte verrebbero presi da una irrefrenabile voglia di ripulire tutta la superficie, di sistemare le piante, di recuperare la Vera da pozzo . Temo pero' che l'intervento dovrebbe essere concordato con l'Istituto di Belle Arti, con conseguente aggravio di spese, e concordato con tutti gli inquilini (che nella maggior parte dei casi hanno altro problemi da affrontare).
Ciao Claudio

Oscar ha detto...

stephanie: Palazzo Albrizzi è la sede dell'Associazione Culturale Italo-Tedesca. Qui si tengono corsi di lungua, corsi di aggiornamento, esami per la certificazione europea e vengono organizzati concerti e mostre. Per entrare è necessario citofonare al campanello (c'è la scritta ACIT Venezia) e chiedere di poter visitare il Palazzo, le mostre in corso o la corte. Ciao

stephanie ha detto...

grazie per l informazione,ho preso nota,per una prossima visita....ciaoooooooooooooooo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...