7 ott 2012

Corte dei Muti

Corte dei Muti 1
Sono quasi le 17,00. Il sole si sta lentamente abbassando sull'orizzonte ma riesce ancora ad illuminare qualche zona in questo labirinto di calli. Ho da poco lasciato il Campo dei Mori e, dopo aver percorso le Fondamenta dei Mori, sono entrato in Corte dei MutiCorte dei Muti 2
Prima di arrivare al Ponte dei Muti mi fermo ad ammirare questo angolo di VeneziaCorte dei Muti 3
Qualcuno, proprio dietro a questo portone, si sta esercitando al pianoforte. E' molto bravo e sentirlo suonare è un vero piacere. Mi fermo davanti alla porta ed inizio a guardarmi intornoCorte dei Muti 4
Davanti a me il Ponte dei Muti e il Rio omonimoCorte dei Muti 5Corte dei Muti 6
Ma perché si chiama Corte dei Muti? Abitavano forse dei muti in questo luogo? Sul Tassini leggo invece che qui abitò la Famiglia Muti (proveniente dalla Lombardia e divisa in più' di un ramo)Corte dei Muti 7Corte dei Muti 8
Una maniglia a forma di mollusco (mai vista prima). Somo sempre vicino alla porta dalla quale fuoriesce la melodia del pianoforte. Alzo la testa e noto che la proprietaria è un'appassionata di piante grasse. Su un balcone ha addirittura alcune piante di fichi d'IndiaCorte dei Muti 9Corte dei Muti 10Corte dei Muti 11Corte dei Muti 12Corte dei Muti 13
Salgo sul Ponte dei Muti. Da qui intravedo la Corte e lo Squero Dal MistroCorte dei Muti 14





5 commenti:

stephanie ha detto...

che bella passeggiata....con tutti questi particolari....grazie oscar...buona domenica

Capturing Venice ha detto...

Another lovely photo essay, Blu Oscar! I don't remember ever seeing boats in dry dock such as these...I so enjoy discovering Venice through your walks and your eyes.

AnnaLivia ha detto...

Ciao Oscar! Non hai visto i tre gatti dei Muti? Vivono nel squero vicino al ponte.
Grazie per la bellissima passegiata,
buona domenica!

Claudio ha detto...

Anche in una corte tutto sommato così piccola e senza pretese un animo sensibile può cogliere tutto il senso della "venezianità".
Una patera,le piante grasse ai davanzali,un'insolita grata,le imbarcazioni a secco nei cortili,una originale conchiglia in bronzo per maniglia,e,come colonna sonora,la piacevole melodia di un pianoforte.
Grazie Oscar,di averci allietato una domenica d'ottobre con questo ameno quadretto.
Saluti,Claudio.

Oscar ha detto...

stephanie: grazie a te

Capturing Venice: many thanks

AnnaLivia: purtroppo non ho visto i gatti ma è stato molto piacevole ascoltare il suono del pianoforte. La Corte è un vero angolo di pace. Ciao e grazie

Claudio: grazie. Sono arrivato in questa Corte dopo aver fatto visita alla Fonderia. (3 ore di lezione interessantissima). Ciao

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...