22 set 2012

Arredo urbano

DSC 0475

Nel mio post precedente ho accennato al fatto che, a mio avviso, l'arredo urbano della città non è adeguato al numero di visitatori, provenienti da tutte le parti del mondo, che ogni giorno la frequenta. Queste le mie testuali parole: "questa città…non cura minimamente l'arredo urbano (qualche panchina in più', magari meno sgangherata, qualche cestino in più, qualche indicazione in più'…tutte cose che potrebbero essere realizzate con un look tutto veneziano così' da essere in armonia con il luogo in cui si trovano e…magari aiuterebbero la città ad essere più' pulita e più' vivibile.
Proviamo ad affrontare il tema della segnaletica. Penso che tutti saranno d'accordo con me quando affermo che, in assoluto, tutti i turisti privilegiano il tragitto: stazione ferroviaria/Rialto o Piazza S.Marco e viceversa. Quelle che vi propongo sono solo alcune indicazioni "fai da te" che ho fotografato in questi giorni...
Esempio N.1 questo non è un cartello. E' solo un foglio che i residenti, stanchi di spiegare la strada ai turisti, hanno affisso alla meglio su una trave in legnoDSC 0477

Secondo esempio: l'indicazione "alla Ferrovia e Piazzale Roma" non è visibile (provare per credere). E' invece, abbastanza visibile, l'indicazione che ho evidenziato, ma questa non è un cartello è solo una piccola scritta sul muroDSC 0482

Terzo esempio: in questo punto non esistono cartelli. Quello che ho evidenziato è solo un pezzo di cartoneDSC 0483

Quarto esempio: qui, probabilmente i residenti, hanno deciso di scrivere direttamente a terra la direzione da seguire.

Una mattina, alle 5,30, stavo percorrendo, esattamente questa strada. Ho incontrato una coppia di turisti che si era persa. Erano anziani che dovevano raggiungere la Stazione Ferroviaria. Constatato che erano alquanto agitati ho deciso, ritornando sui miei passi, di accompagnarli io (non lo scrivo per lamentarmi. L'ho fatto volentieri).
Venezia è una città straordinaria. Le pietre con le quali è stata realizzata ci parlano di secoli di splendore. Ora pero' siamo nel XX secolo!
Se ritenete che le indicazioni stradali, che fanno parte dell'arredo urbano, "stonino" in una città simile ricordo che, proprio a Venezia, esiste una prestigiosa Facoltà di Architettura…perché non proporre a giovani talenti…qualche idea in merito ad un cartello "tutto veneziano" che aiuti le centinaia di migliaia di turisti a trovare la strada…??

2 commenti:

Elio ha detto...

Ciao Oscar, mi dirai che mi ripeto, ma le tue foto fatte ad ore in cui gli altri stanno ancora dormendo mi piacciono molto. Per i cartelli fai da te, avevo fatto una sola segnalazione anch'io in un post di due settimane fa. Un complimento per l'accompagnamento ai "poveri vecchietti" persi a Venezia. Io ho settant'anni, ma credo che non mi ci perderò mai. Forse ai 100, se ci arrivo. Alla prossima.

Oscar ha detto...

Elio: tu hai settant'anni ma conosci Venezia come le tue tasche, loro erano turisti. Non possiamo pretendere che i turisti sappiano già come muoversi in un labirinto di calli, campielli, campi etc. Ciao

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...