1 lug 2011

Scuola dei Mercanti

Scuola_dei_mercanti_01.jpg

Nel precedente post abbiamo fatto visita al Chiostro della Chiesa di Madonna de''Orto. Ora approfittiamo della mostra in corso, per entrare nella Scuola dei Mercanti. Entriamo dal bel portone posto sulla facciata che dà sul Campo Madonna dell'Orto. Fino al 15 settembre il piano terra della Scuola ospiterà la mostra collettiva "The Emergence of the Pop Imagist" (aperta dalle 1,000 alle 13,00 da martedi' a domenica). The Emergence of the Pop Imagist presenta un’importante selezione di opere pittoriche, sculture e digital art, che evidenziano un vario assortimento di immaginari ammalianti. La mostra raggruppa ventiquattro artisti affermati, già visti alla Jonathan LeVine gallery e alcuni per la prima volta in Italia. (Galleria Bonelli ArteContemporanea, in collaborazione con la Galleria Jonathan LeVine di New York)Scuola_dei_mercanti_02.jpgScuola_dei_mercanti_03.jpgScuola_dei_mercanti_04.jpgScuola_dei_mercanti_05.jpgScuola_dei_mercanti_06.jpgScuola_dei_mercanti_07.jpgScuola_dei_mercanti_08.jpgScuola_dei_mercanti_09.jpgScuola_dei_mercanti_10.jpg

Il primo piano della Scuola ospita invece la mostra "Trame riflesse" di Davide Nido e Robert Pan (gli orari di apertura sono gli stessi indicati sopra). Queste Trame Riflesse, materici reticoli sintetici, nascono tra le mani di Davide Nido grazie ad una particolare pistola termica, che sciogliendo le colle siliconiche le effonde sulla tela, in modo da orientarle, dilatandole o restringendole in piccoli cerchi concentrici, appiattendole o accumulandole e quindi stratificandole. La materia artificiale è protagonista anche nelle opere di Robert Pan, dove elementi ibridi tra pittura e scultura, emergono dopo un accurata ed artificiosa operazione analitica, che prevede l’utilizzo di reti metalliche come supporti, sulle quali vengono costantemente stesi strati di colle, pigmenti e resine, alternando la stratificazione e la sovrapposizione, alla levigatura e alla corrosione mediante acidi o fuoco.
I due artisti riescono nell’intento di sprigionare quello che, Hernri Bergson definisce slancio vitale, ossia una creazione libera, impulsiva, imprevedibile ed immaginifica, ma al contempo complessa ed articolata.Scuola_dei_mercanti_13.jpgScuola_dei_mercanti_14.jpgScuola_dei_mercanti_16.jpgScuola_dei_mercanti_19.jpgScuola_dei_mercanti_22.jpgScuola_dei_mercanti_23.jpgScuola_dei_mercanti_24.jpgScuola_dei_mercanti_25.jpgScuola_dei_mercanti_26.jpg

Sono riuscito a fare questa foto al soffitto immerso nel buio piu' totale. L'edificio della Scuola è imponente ed è stato edificato nel 1570 su progetto del Palladio. Leggo sul Lorenzetti che un tempo era ricca di vasti cicli pittorici di Jacopo e Domenico Tintoretto e di Paolo Veronese. Ora queste opere sono, in parte, custodite alle Gallerie dell'Accademia.DSC_0154.jpg

3 commenti:

Maïté ha detto...

Grazie, buona giornata, a presto !

VenetiaMicio ha detto...

Merci pour la visite, je ne connaissais pas ce lieu qui est magnifique et qui est splendide pour une exposition. J'aime beaucoup le tableau de la petite fille (qui pourrait être Alice au pays des merveilles ?). Sais-tu le nom du peintre ?
J'espère que tu vas bien.
A presto
Danielle

Oscar ha detto...

Maitè: Grazie a te. Ciao

VenetiaMicio: I am ok. Thank you for your kindness! Ciao

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...