02 gen 2011

Sacca Fisola


Su richiesta di una mia cara lettrice vengo a visitare Sacca Fisola: accontento lei e la mia curiosità di vedere un luogo di Venezia che non conosco.


Sacca Fisola è, nella cartina, l'isola piu' grande sulla quale ho posto il segnalino. Il termine "sacca" prende origine dal termine dialettale "saca" (sacco, sacca, borsa). L'espressione dialettale "far saca" indica poi il deposito di materiale in uno specchio d'acqua. Contrariamente al nome che farebbe presupporre ad un origine del tutto naturale, queste isolette sono state create artificialmente. Questa zona era infatti, insieme ad altre in laguna, adibita alla discarica dei fanghi (ottenuti dallo scavo periodico dei canali atto ad evitare gli interramenti e i ristagni) e dei materiali di risulta prodotti dalla città. Alla fine del Cinquecento il processo di costruzione del suolo su cui edificare la Venezia si era in gran parte concluso, ma la fase di espansione non si fermò e interessò le zone periferiche fino raggiungere le zone piu' esterne della laguna. Le sacche come la punta di Sant'Antonio, dove venivano scaricati i fanghi prodotti durante la costruzione dell'Arsenale, Sant'Elena, le Fondamenta nuove, Sant'Alvise, Santa Lucia, Sant'Andrea della Zirada, Santa Chiara, Santa Marta, molte zone della Giudecca e Sacca Fisola appunto, ma anche quelle presenti nelle isole diventano prima terreni agricoli e poi vengono destinate a suolo pronto per l'edificazione o all'insediamento di nuove industrie o attività sociali e sanitarie.
Purtroppo questa isola ha ospitato (dal 1969 al 1984) un inceneritore di rifiuti solidi urbani. Dico purtroppo in quanto in quell'epoca gli impianti di incenerimento venivano costruiti in Italia e all'estero senza tutti quegli accorgimenti tecnologici atti ad evitare l'emissione di tante sostanze altamente inquinanti come la diossina.
Dopo la chiusura e la demolizione dell'inceneritore Sacca Fisola è stata bonificata e successivamente si è proceduto alla realizzazione del quartiere residenziale visibile nelle foto. Sono trascorsi piu' di 25 anni dalla chiusura dell'impianto.


La piazza, con sullo sfondo la chiesa, si estende verso destra e ospita il mercato di quartiere


Le fondamenta San Gerardo


Vista del quartiere dalla Sacca di San Biagio che ospita gli impianti sportivi, tra i quali la piscina della Rari Nantes


Uno sguardo alla laguna


La fermata del vaporetto. Vicino alla fermata trovate un edicola e nella piazza principale, un bar, una farmacia e alcuni altri negozi


Dal molo il panorama è, cosi' come in tutta la Giudecca che si affaccia verso Venezia, incomparabile


In quartiere sono stati piantati molti alberi che offrono protezione a molti animali


La zona è ordinata e curata. Non sembra assolutamente di essere in un'isola a due passi da Venezia


Mi allontano in direzione del Molino Stucky e attraverso il bellissimo ponte che dà accesso a Sacca Fisola a chi arriva, a piedi, dalla Giudecca


16 commenti:

VenetiaMicio ha detto...

I don't know the Isola ...We can think where are in another town, just the buildings in color like Venetia.
Some places are pleasant like near fondamenta S'Gerardo or near the laguna.Of course when we can see Dorsoduro is better and behind Molino Stucky.
Thank you for the show, altra Venezia
a presto
Danielle

Oscar ha detto...

VenetiaMicio: nice place, warm people, wonderful panorama. Ciao!

Aldo ha detto...

Grazie per il tuo interessante post. Sono andato diverse volte alla Giudecca ma non ho mai spinto fino alla Sacca Fisola. Vedrò di farci un giretto la prossima volta, il luogo ne vale la pena.

Annie ha detto...

Wonderful photos. I visited Sacca Fisola the last time I was in Venice but I didn't know the history. I wish I'd seen that beautiful orange cat!

Happy New Year to you.

Oscar ha detto...

Aldo: Sacca Fisola merita una visita se non altro per il fatto di essere piccola, verde e con due panorami meravigliosi: Venezia e la laguna. Il luogo è tranquillo. Ti consiglio di raggiungerlo attraverso il ponte del molino Stucky.

Annie: Thanks. I also hope to meet the red cat again. I love Giudecca and I will be there many times in the future. Ciao

Laura ha detto...

La Sacca non e' certamente il posto piu' bello di Venezia, ma fa sempre parte della sua storia, anche se moderna.

Grazie per il reportage fotografico, la vista di Venezia da li' e' bellissima. Il ponte che porta allo Stucky e' molto bello, non me lo ricordavo.

E Torcello? Quando ce lo fai vedere? C'e' anche Sant'Erasmo.....

Oscar ha detto...

Laura: e pensare che ero convinto tu fossi una mia amica e, si sa, gli amici vogliono solo il tuo bene delle persone a loro care! Tu invece mi vuoi morto! Sai cosa vuol dire fare il reportage con meno 5/6 gradi aggravati dall'umidità?
(sto scherzando).
Faceva freddo, ma è stato bellissimo visitare Sacca Fisola con gli occhi pieni di curiosità. A me la visita è piaciuta molto. Il tuo consiglio è stato prezioso: la vista da là è bellissima, sia quella verso Venezia sia quella verso la laguna. Ho chiaccherato a lungo con abitanti del luogo e li ho trovati simpatici e molto aperti. Ti ringrazio per avermi "costretto" a visitare un luogo che non conoscevo e che invece consiglio a tutti. Per quanto riguarda Torcello e il resto non manchero'. Ciao Laura!

Laura ha detto...

Allora per Sant'Erasmo, aspetta la primavera ;o)

Gli abitanti della Sacca sono come tutti i veneziani, sempre pronti per "farse na ciaciarada", e molto aperti. Il problema con il resto dei veneziani e' che non ne possono piu' dei turisti e cosi' sembrano burberi e scontrosi. Venezia era considerata un salotto all'aperto, ma la vita e' cambiata tantissimo negli ultimi vent'anni. Ci sono amici d'infanzia che non vedo da anni, quando una volta bastava percorressi le strade intorno a Santa Margherita per incontrarli e farmi due chicchiere.

Oscar ha detto...

Laura: capisco il tuo stato d'animo e quello dei veneziani perchè frequento Venezia da molti anni e credo di conoscerla abbastanza bene. Lo scopo che mi sono prefissato, aprendo questo blog, è stato quello di migliorare la mia conoscenza della città (in tutti i suoi aspetti) e di condividere con gli altri cio' che vado, man mano scoprendo. Sempre e comunque nel tentativo di trasmettere l'infinito rispetto che ho di Venezia e dei suoi abitanti. Ciao

stefitiz ha detto...

Volevo scrivere un post su SaccaFisola, scoperta oggi, e volendo postare delle immagini ho linkato il tuo blog. spero non ti dispiaccia. Se così non fosse, avvisami, che tolgo tutto. Grazie e complimenti per le foto

stefitiz ha detto...

dimenticavo, questo è il post:
http://lippopotamo.blogspot.com/2011/06/sacca-fisola.html

caspita se fai delle foto stupende su Venezia, ancora complimenti

Oscar ha detto...

Stefitiz: non mi dispiace affatto che tu abbia inserito un link al mio blog. Grazie di tutto. Ciao

stefitiz ha detto...

ok, grazie a te...

stefitiz ha detto...

anzi, ti dirò di più, ho molti amici amanti di Venezia che abitano in giro per lo stivale. In uno dei prossimi post segnalerò il tuo blog per le immagini stupende

Oscar ha detto...

Stefitiz: ti ringrazio. Pur non essendo veneziano (abito a Treviso) cerco di descrivere una città che amo e che raggiungo almeno un giorno a settimana. Ciao e grazie

stefitiz ha detto...

http://lippopotamo.blogspot.com/2011/06/immagini-di-venezia.html

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...