24 ago 2010

Riflessi veneziani

La scorsa settimana ho visitato l'isola di Murano. Per arrivarci ho deciso di tentare, questa volta, una via nuova rispetto a quelle utilizzate in passato. Sono quindi arrivato all'aeroporto Marco Polo e mi sono imbarcato su un traghetto della compagnia "Alilaguna". La linea blu dall'aeroporto arriva fino al Tronchetto ed effettua appunto la prima fermata sull'isola a Murano Colonna. Il costo del biglietto è sempre di 6,50 euro, ma si abbassa a 3 euro per chi ha la Carta Venezia. Se ne avete la possibilità vi consiglio di dotarvi di questo documento che vi permetterà di risparmiare parecchio. Fate poi attenzione in quanto, il costo della tratta, lievita parecchio in caso di percorrenze piu' lunghe di quelle da me effettuate. I gruppi di minimo 20 persone pagano meno. Per consultare le tariffe andate qui. Le imbarcazioni sono abbastanza confortevoli e veloci, ma il tempo di percorrenza è sempre piuttosto lungo e pari a circa mezz'ora.

Francamente mi sento di consigliare i traghetti "Alilaguna" solo a chi desidera parcheggiare la propria auto in uno dei parcheggi dell'aeroporto (12,00 euro per le prime 12 ore) o a chi vuole arrivare sull'isola perchè è appena arrivato a Venezia con l'aereo.

A Murano ho fatto una lunghissima passeggiata, ho visitato le fornaci, assistito alle performances dei Maestri vetrai che, davanti a decine di persone che in coro dicevano..."oooooohhhhh!" sfornavano vasi e animali dall'anima trasparente e colorata. Ho visitato moltissimi showrooms ed osservato molte vetrine. Ho visto parecchie opere di dubbio valore, ma ho visto anche tante eccellenze: vasi, bigiotteria, tanti accessori di tutte le fogge e per tutti gli usi, lampade e lampadari: tutti risplendevano di luce propria, tutti riflettevano il gusto e la creatività italiani che ci distinguono nel mondo.
Purtroppo ho trovato tutta questa eccellenza esposta in una Murano molto degradata, mancante dei servizi primari da offrire ai propri turisti e ai propri clienti. Una Murano che lamenta forti perdite nelle vendite ed attaccata duramente dalla concorrenza. Una Murano che preferisce mostrare i propri gioielli nei negozi in franchising o nei propri punti vendita dislocati nelle grandi città. Una città che dovrebbe rappresentare la culla dell'eccellenza del vetro italiana e che invece sta cadendo a pezzi nell'indifferenza generalizzata.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...