01 mag 2010

Vista dall'isola di San Giorgio Maggiore


6 commenti:

Laura ha detto...

Che meraviglia! Non credo di essere mai stata in cima al campanile di San Giorgio. C'era una piscina pubblica a San Giorgio, ci ho fatto molte vasche. Mi domando se l'hanno demolita.

Oscar ha detto...

Laura: è sempre un piacere risentirti. Cerco sempre di immaginarti immersa nella tua vita "californiana". Cosi' lontana, cosi' vicina. Spero sempre di regalarti belle immagini delle tua terra che poi, anche se non sono un veneziano doc, è anche un po' mia.
Per quanto riguarda la piscina: ne ho visto una dal campanile, ma appartiene ad un Hotel. Non so quindi se è la stessa che frequentavi tu. Ho verificato in rete ed effettivamente raccontano di una piscina e di un teatro verde. Putroppo non ti so dire di piu'. "Stame ben!" Ciao

Laura ha detto...

E' sempre un piacere vedere le immagini che pubblichi, mi sento a casa.

La piscina di San Giorgio e' probabilmente stata demolita anni fa. Era molto bella, piu' bella di quella di sacca fisola. A proposito di sacca fisola, una mia amica mi ha detto che a natale decorano le case in maniera eccessiva, forse puoi fare un reportage fotografico il prossimo natale.


Nella foto di campo santa margherita c'e' una signora con un cappotto beige che potrebbe essere mia zia...troppo divertente. Lei fa poco movimento ed e' spesso li' a fare le spese, mi piace vedere la vita quotidiana di Venezia. Sono cresciuta al malcanton, e in campo santa margherita ho imparato ad andare in bicicletta, impalando un vecchietto e quasi decapitando un piccione.

Grazie di cuore!

Non sarai veneziano ma si sente il rispetto che hai per venezia, e per cui ti dichiaro cittadino onorario!


Stame ben anca ti'!

Oscar ha detto...

Laura: grazie per i complimenti. Mi faccio un nodo al fazzoletto per Natale e vado a visitare Sacca Fisola con piacere. Ho riguardato la foto. Davvero divertente che possa essere tua zia. Incontro spesso persone anziane. A volte ho la fortuna di scambiare qualche opinione con loro. Se tua zia abita vicino al Campo allora è fortunata. Ho incontrato spesso persone anziane che vanno a fare la spesa lontano da casa e poi rientrano a casa con il proprio carico di generi alimentari. Un giorno ho aiutato una signora anziana a trasportare le borse della spesa fino a casa. Era molto stanca e quando ha aperto la porta dello stabile nel quale abitava ho guardato le scale e ho preso paura. Onestamente mi sono chiesto come facesse a vivere là. Abitava al terzo piano e le scale erano molto ripide. Devi poi tener conto che la zona in cui vive è anche, purtroppo, soggetta al fenomeno dell'acqua alta. Un inverno sono arrivato in una piazzetta invasa da almeno 40 centimetri di acqua. Era mattina presto. Ad un certo punto si è aperto un balcone e si sono affacciati marito e moglie sulla settantina. Mi hanno guardato. Ci siamo scambiati un cenno di saluto. Poi hanno guardato verso il basso e si sono resi conto dell'acqua particolarmente alta. Hanno richiuso la finestra e non li ho piu' visti. Se fossi riuscito a fotografarli avrei dovuto catturare, con la mia macchina fotografica, la scena in cui si svolgeva e il loro sguardo. Non ho fatto alcuna foto. Mi è tanto dispiaciuto per loro. Ciao

Laura ha detto...

Mia nonna abitava al....settimo, si settimo piano di un edificio senza ascensore, e aveva l'enfisema poverina. Penso pero' che sia vissuta fino a 93 anni perche' non ha mai smesso di camminare, e i piani l'hanno tenuta in forma.

CIAO!

Oscar ha detto...

Laura: la storia di tua nonna ha dell'incredibile. Un giorno una signora anziana mi ha detto: qui a Venezia il ritmo della vita è diverso. C'è meno affanno che da voi in terraferma. Tutto ha un ritmo piu' lento. Un po' l'ho invidiata. Ciao

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...