23 mar 2010

Venezia vista da...


Siamo in Campo del Teatro a due passi dal ponte di Rialto. La gente entra al suo interno e si guarda intorno. C'è chi cammina frettolosamente e prosegue in altre direzioni, chi si sofferma ad apprezzare questo o quello scorcio particolarmente suggestivo. Altri osservano tutto con attenzione ed...ecco che, ad un certo punto, vedo dei turisti "notare" la vera da pozzo. Si avvicinano e... la trovano veramente...utile. Si' perchè, per tanta gente, questa puo' avere vari tipi di utilizzo: tavolino da pic-nic, sedia, cestino per i rifiuti o "lavagna" dove annotare ogni tipo di dedica o scarabocchi. Pochi, veramente pochi, sanno che per secoli le vere da pozzo sono stato un elemento essenziale per la vita dei veneziani.


Proviamo ad abbassare lo sguardo e, magari, iniziare a guardarle con occhi diversi, apprezzarle per cio' che sono state e sono tuttora: delle opere d'arte.


Corte dei pali già Testori


Corte del Remer


1 commento:

Anonimo ha detto...

caro giovane Oscar,
sono il 73nne antiquario Pietro Scarpa, Accademia. Complimenti per il tuo apporto alla conoscenza delle vere da pozzo, cui, se vuoi, possiamo fare qualche rettifica, ma, soprattutto, alcune importanti aggiunte. Puoi raggiungermi per mail oppure al telefono 335 245 273Cordiali saluti,
P. S.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...