19 dic 2009

Vento, neve e acqua alta

Sabato 19 dicembre: stamattina arrivare a Venezia è stata un'impresa. Tutti i treni erano in ritardo. Finalmente, verso le nove, arrivo a Santa Lucia e da qui incomincia la mia avventura. Passo sopra al ponte di Calatrava (completamente ghiacciato e percorribibile solo nella parte centrale) e mi dirigo verso Piazzale Roma.

Le Fondamenta Cassetti con vista dei giardini Papadopoli

Rio Terà dei Pensieri già parecchio imbiancato

Le Fondamenta de l'Arzene

Corte Mazor (da queste parti l'acqua alta aveva già allagato intere zone. Oggi era infatti prevista una punta massima di marea di 110 cm.)

Vista sulle Fondamenta della Pescheria

Le Fondamenta Lizza Fusina

Si cerca di ripulire i ponti dal ghiaccio. Mi raccontano che la maggior parte dei cittadini ha puntualmente esposto, fuori della porta di casa, i sacchetti dell'immondizia e che questi ora galleggiano grazie all'acqua alta all'interno delle calli.

Campo de l'Anzolo Rafael

Lungo le Fondamenta delle zattere il vento era molto intenso e l'acqua alta peggiorava la situazione. Mi dispiace molto per quella persona e per tutti coloro che come lui devono aprire la porta di casa in quelle condizioni.

Campo Santa Margherita semideserto

Il Campiello de cà Zen con la bella vera da pozzo in marmo rosso di Verona.

Campo de San Stin

Fondamenta Rio Marin o del Garzotti

Campo San Giacomo dell'Orio

Campo San Boldo

A Piazza San Marco troviamo le passerelle.

Alle 13,00 smette di nevicare e il cielo si apre lasciando intravedere un po' di sole

Verso le 14,30 decido che è ora di tornare a casa. Arrivo in stazione centrale e trovo il caos. Tabelloni elettronici in tilt. Nessun treno in partenza. Chiedo informazioni e un ferroviere mi consiglia di rivolgermi all'ufficio informazioni. Entro e al mio fianco c'è il sindaco. Anche lui deve partire e chiede informazioni sui treni (E' molto calmo, gentile e sembra essere da solo). Ci dicono che nessuno ha dati certi. Il traffico ferroviario è andato in tilt a causa delle avverse condizioni meteorologiche. Decido di tornare a casa in autobus.

Mi ritrovo ancora una volta sopra il ponte di Calatrava in direzione Piazzale Roma.

Sono in Piazzale Roma da me ironicamente battezzato "l'ombelico del mondo". Di fronte a me il celeberrimo ponte della nuova Venezia.

Piu' a sinistra un mega cartello annuncia che stamattina è stato inaugurato il People Mover.

Oggi pero' io, ma anche lui, dobbiamo utilizzare l'autobus per uscire dalla città.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Grazie per queste bellissime foto....il fascino di Venezia con la neve è molto forte (...anche perchè non avendo vissuto tutte le avventure per gli spostamenti si può assaporarne il lato romantico...) Auguri di Buon natale.

Oscar ha detto...

Grazie per gli auguri. Ricambio di cuore. Scusami per la qualità delle immagini inserite. Sto testando un nuovo software che ho recentemente acquistato e che mi permetterà di inserire nei post immagini grandi come quelle che vedi. Un felicissimo Natale anche a te!

great star ha detto...

Mi sono permessa di "rubare" una tua foto per il mio blog... spero di aver fatto cosa gradita, fammi sapere se hai gradito il suo contesto.
A presto.
http://blog.libero.it/antennaegalaxy/?nocache=1266107709

Oscar ha detto...

Hai "rubato" una mia foto da mio blog?
Ho visto dove l'hai collacata. Grazie per averla apprezzata!
Ciao e passa ancora a trovarmi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...