22 lug 2009

Caorle (Venezia)

Caorle 01
Le radici di Caorle affondano nel I secolo a.C. come testimoniano numerosi ritrovamenti di epoca romana, come l' altare sacrificale custodito ora nel duomo, o i ritrovamenti archeologici in mare. Tuttavia la città cresce e diventa importante come porto della vicina Concordia, per la sua posizione alla foce del Lemene, soprattutto in seguito alle invasioni barbariche degli unni, che spinsero molti concordiesi dall'entroterra alla costa; fu in quel periodo, attorno al VI secolo, che Caorle divenne sede vescovile. La costruzione dell'odierna cattedrale, tuttavia, risale all'XI secolo, su una pre-esistente basilica paleocristiana, i cui resti sono conservati tutt'ora all'interno del duomo, nel museo annesso e nei giardini della canonica.
Nei successivi secoli le sorti di Caorle furono legate a quelli della Repubblica Serenissima; il territorio cittadino era parte del Dogado, cioè il territorio metropolitano, nonché il nucleo originario, della Serenissima Repubblica, ed era uno dei 9 distretti in cui era suddivisa l'amministrazione, governato da un podestà. Costituiva inoltre uno dei 10 reggimenti in cui era suddiviso il dogado
Caorle 02Caorle 03Caorle 05
E' impossibile arrivare a Càorle e non raggiungere, percorrendo a piedi la bella passeggiata in riva al mare, il Santuario della Madonna dell'Angelo. L'undici di luglio, alle 20.40 si svolge la tradizionale processione dell'immagine della Madonna che dal Santuario viene trasportata fino al Duomo di Santo Stefano in piazza Vescovado per poi essere deposta all'interno del Duomo stesso. Seguono poi, in serata, i tradizionali fuochi d'artificio a festeggiare l'eventoCaorle 06Caorle 07Caorle 08Caorle 09
In rete è riportata la notizia che, nel 2010, si terrà la festa quinquennale della Madonna dell'Angelo. In questa occasione la statua, davanti alla quale intere generazioni di pescatori di Càorle rivolgono le loro preghiere, verrà trasportata a bordo della caorlina (imbarcazione tipica del luogo) via mare dal porto fino al Santuario. La caorlina sarà seguita dalla lunga sfilata delle imbarcazioni della marineria di Càorle.
Ho accennato prima alla bella passeggiata lungo il mare che, partendo dal porto, arriva fino al Santuario della Madonna dell'Angelo. Nel tratto denominato "Lungomare Petronia" sono stati deposti, a protezione della riva, dei massi che sono stati in parte scolpiti da artisti di tutto il mondo. Ecco solo alcuni esempi:Caorle 12Caorle 15Caorle 16Caorle 18Caorle 17Cartina

7 commenti:

Anaffana Club: ha detto...

complimenti, Caorle è un posto delizioso

Oscar ha detto...

Grazie per i complimenti Anaffana Club.
Caorle è davvero una graziosa località di mare. Se ami i locali in riva al mare ti consiglio la "Terrazza mare Don Pablo" (dinner cockatil bar discoteca e ristorante. Attenzione pero' è aperto solo nel periodo estivo.
Ciao

Alessia Vanzo ha detto...

mi puoi dire in che via si trovano i sassi perchè su google maps nn li trovo...

Oscar ha detto...

Alessia: per vedere i sassi è sufficiente effettuare la passeggiata sul lungomare che dal centro conduce al Santuario della Madonna dell'Angelo. Ciao

Rossella ha detto...

Ho trascorso due vacanze in questa deliziosa cittadina che ricordo sempre con molta nostalgia. Sarà per la presenza della laguna, sarà per le case variopinte, sarà la vicinanza ma ha un'atmosfera molto "venexiana" e l'aria tutta particolare che si può ammirare a Burano. I tuoi scatti mi hanno, fi fatto, rituffata in quei lontani anni '90 legati alla vacanza caorlina. Molto molto suggestive, come sempre...complimenti! :)

Blu Oscar ha detto...

Rossella: cavolo! Vedo che ha visitato per bene sia Venezia che le zone limitrofe

Anonimo ha detto...

Eh..eh...eccome! E pure le dolomiti, altro soggetto prederito dei tuoi scatti d'autore...girate e rigirate, ma erano altri tempi, ora non più replicabili. Per venezia però farò sempre un'eccezione. Grazieeeeee!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...